Busta che si disintegra
Collaborazione

Cosa potrebbe cambiare l’email nel prossimo futuro?

Le esigenze aziendali stanno cambiando, soprattutto per i team remoti e ibridi, ma le e-mail sono ancora qui. È davvero possibile cambiare le e-mail?

Il team di Slack22 luglio 2022

Se sei al passo con la tecnologia, sai che persino tecnologie di cinque anni fa probabilmente sono ormai obsolete. L’e-mail ha compiuto 50 anni nel 2021 e quindi è comprensibile che opinionisti e guru della tecnologia abbiano proclamato che l’e-mail è morta da quasi due decenni. Nel 2015, John Brandon di Inc. prevedeva con sicurezza che le e-mail sarebbero scomparse entro il 2020. Nel 2009, il blogger Millennial Alex Berger di VirtualWayfarer.com spiegava che le generazioni precedenti a quella dei Millennial avevano implementato l’e-mail in un mondo diverso, ma i Millennial l’avevano spostata nell’elenco delle specie in via di estinzione.

Eppure l’email è ancora viva e vegeta. Secondo Statista, nel 2020 sono stati inviati 306,4 miliardi di e-mail al giorno e si prevede che questo numero salirà a 376,4 miliardi entro il 2025. Anche il numero di utenti e-mail in tutto il mondo è destinato ad aumentare, passando da poco più di 4 miliardi nel 2020 a 4,6 miliardi nel 2025. L’e-mail rimane il cavallo di battaglia delle comunicazioni elettroniche: non è un sistema brillante o nuovo, ma vecchio e affidabile. È anche un’opzione a bassa larghezza di banda per chi si trova dalla parte sbagliata del divario digitale.

Tuttavia, l’e-mail non è più la linfa vitale della comunicazione in molti luoghi di lavoro. È stata invasa da spam, pubblicità e avvisi dei social media che ostacolano più che mai il lavoro. Con strumenti nuovi e migliori tra cui scegliere, molte aziende si adoperano per cambiare l’e-mail, mettendola in secondo piano. Non la stanno eliminando del tutto, ma la stanno trasformando in una semplice scelta tra le tante disponibili per le comunicazioni in ufficio. Analizziamo i problemi delle e-mail e le nuove soluzioni per cambiare l’email che iniziano ad emergere sul lavoro.

Busta e punto interrogativo

Perché l’e-mail sta perdendo terreno

Sicuramente un certo rifiuto delle e-mail è dovuto a semplici preferenze generazionali. Gli appartenenti alla Gen Z, nati tra la fine degli anni ’90 e l’inizio del 2010, hanno iniziato a lavorare. I lavoratori della Gen Z sono i primi a essere cresciuti con tantissime opzioni di comunicazione digitale, dai messaggi di testo ai social media, per questo tendono a passare facilmente da un’opzione di comunicazione all’altra e l’e-mail non è sempre in cima alla loro lista.

Ulteriori problemi con l’e-mail includono:

  • Inefficienza. In una conversazione e-mail, soprattutto tra più partecipanti, è facile perdersi tra i CC e i CCN, rispondere alla persona sbagliata o perdersi del tutto informazioni importanti.
  • Spreco di tempo. Un tipico impiegato può ricevere centinaia di e-mail al giorno, tra cui solo una manciata sono importanti; le altre possono essere di qualsiasi tipo, dalla pubblicità allo spam. Smistare le e-mail per trovare e rispondere ai messaggi più importanti richiede tempo che potrebbe essere dedicato ad altre attività.
  • Riduzione della produttività. Un dipendente che controlla le e-mail non è poi così diverso da un topolino che spinge una leva per prendere un pezzo di formaggio. Secondo Psychology Today, le notifiche e-mail rilasciano una scarica di dopamina, la sostanza chimica del cervello responsabile del piacere. Ma portano anche a uno stato di eccitazione elevata, che può impedirci di lavorare bene.

Opzioni alternative per cambiare l’e-mail

È altamente improbabile che l’e-mail scompaia a breve. Tuttavia il mondo si sta spostando verso il lavoro remoto e ibrido e, secondo un sondaggio di Statista del 2021, il 66% dei leader delle aziende sta riprogettando gli spazi di lavoro per supportare team ibridi a lungo termine. In un’epoca in cui non possiamo semplicemente andare in corridoio per parlare con un collega faccia a faccia, sono essenziali strumenti migliori e più efficienti per la comunicazione asincrona. Questi includono:

  • Messaggi di testo o messaggi diretti in-app
  • Registrazioni video, in particolare quelle di durata pari o inferiore a cinque minuti
  • Screenshot con markup
  • Piattaforme di collaborazione come Slack

Queste soluzioni risolvono molti dei problemi delle e-mail, migliorando l’organizzazione e semplificando il lavoro, eliminando lo scompiglio causato dai messaggi spam e dalla pubblicità costante e favorendo la collaborazione. Su una piattaforma come Slack è possibile personalizzare i canali per progetti o team specifici e persino creare incontri virtuali aperti a tutti per discussioni informali. Ciò non significa che dovrai cambiare l’e-mail del tutto, ma potrai integrarla direttamente nella piattaforma.

Mettiamo insieme i pezzi: possiamo cambiare l’e-mail?

Nonostante quasi due decenni di previsioni avverse, l’e-mail non dà segni di essere in punto di morte. Ma le esigenze delle aziende stanno cambiando, soprattutto adesso che i datori di lavoro si impegnano a creare una cultura più forte per i team da remoto e ibridi. Non è ancora arrivato il momento di cambiare le e-mail, ma semplicemente di integrarle con strumenti più recenti, dalla messaggistica di testo alle piattaforme di collaborazione, per offrire ai lavoratori delle alternative, risolvendo al contempo alcune delle problematiche delle e-mail.

Questo post è stato utile?

0/600

Fantastico!

Grazie mille per il feedback!

Capito!

Grazie per il feedback!

Ops! Si è verificato un problema. Riprova più tardi.

Continua a leggere

Notizie

Potenzia l’automazione con 65 nuovi connettori in Workflow Builder

Ti presentiamo nuovi modi di connettere le app di partner per automatizzare il lavoro nei tuoi strumenti con clic, non codice

Collaborazione

I team di marketing di Salesforce usano l’automazione per semplificare i processi e aumentare la produttività

I workflow aiutano gli addetti al marketing a creare e lanciare campagne più rapidamente

Notizie

Offri a tutti la possibilità di automatizzare il lavoro con il nuovo Workflow Builder

Nuove funzionalità di automazione per sbloccare workflow più potenti, indipendentemente dalle competenze tecniche

Produttività

Nuovi miglioramenti che trasformano Slack in una piattaforma di produttività intelligente

Un’anteprima delle prossime novità di Slack quest’anno a Dreamforce