Impiegato che lavora al computer in una barca a remi
Collaborazione

Il futuro del lavoro a distanza: cosa c’è da sapere

Il lavoro a distanza era già diffuso, ma la pandemia ha portato a un vero e proprio boom. Quali sono le conseguenze di questa realtà ormai consolidata?

Il team di Slack29 luglio 2022

Secondo il Bureau of Labor Statistics degli Stati Uniti, nel 2017 e 2018, circa il 25% delle persone ha lavorato da casa almeno occasionalmente. Uno studio del 2017 di Global Workforce Analytics e FlexJobs ha mostrato che il numero di lavoratori a distanza è cresciuto del 115% nel decennio precedente. Nel 2019, un’indagine congiunta tra Slack e la società di ricerche di mercato GlobalWebIndex ha rilevato che il 75% dei lavoratori della conoscenza lavorava da remoto in alcune circostanze.

Ma nemmeno questi drammatici incrementi del tasso di crescita del lavoro a distanza avrebbero potuto prepararci all’arrivo della pandemia nel 2020 e ai cambiamenti a lungo termine che ha determinato nel mondo del lavoro. Ecco cosa c’è da sapere sul futuro del lavoro da remoto.

A che ritmo sta crescendo il lavoro a distanza?

Nel marzo 2020 gli uffici furono chiusi, praticamente da un giorno all’altro. Tra gli ordini di lockdown e la grande incertezza, quasi tutte le aziende in grado di operare in remoto lo hanno fatto. Sarebbe quindi irrealistico pensare che la situazione del periodo iniziale della pandemia possa applicarsi al presente. Si pensava che le cose sarebbero tornate alla normalità con la diffusione dei vaccini e la revoca degli ordini di lockdown. Ma come è andata alla fine?

Nel giugno 2020 PwC ha condotto un sondaggio che ha rivelato risultati sorprendenti. Sebbene i vaccini non fossero ancora disponibili, molti stati degli USA revocarono alcune delle misure di lockdown più severe, spingendo dirigenti e lavoratori a guardare al futuro. All’epoca, il 98% dei datori di lavoro dichiarava che la maggior parte dei membri dei propri team lavorava a distanza almeno un giorno alla settimana. Inoltre, un impressionante 89% dei datori di lavoro prevedeva che molti o la maggior parte dei propri dipendenti avrebbero continuato a lavorare da casa anche dopo la pandemia. Tra i dipendenti, l’83% voleva continuare a lavorare da remoto almeno un giorno alla settimana. Anche agli albori della pandemia, era già in atto il cambiamento a lungo termine del lavoro a distanza.

Facciamo un salto all’estate del 2021, sei mesi dopo l’introduzione del vaccino. Un sondaggio di FlexJobs ha dimostrato che i dipendenti amavano il lavoro a distanza e che non avevano intenzione di rinunciarvi. Infatti, il 58% dichiarava di aspirare a una posizione completamente a distanza, un altro 39% preferiva una soluzione ibrida, mentre solo il 42% riferiva che i datori di lavoro si aspettavano un eventuale ritorno al lavoro d’ufficio a tempo pieno. Ciò significa che il 58% dei datori di lavoro non aveva alcun piano in tal senso.

Questo avveniva proprio in concomitanza con le “grandi dimissioni”, note anche come Big Quit. Secondo Forbes, nell’aprile del 2021 4 milioni di lavoratori hanno dato le dimissioni, soprattutto nei settori meno retribuiti. La tendenza ha iniziato a estendersi agli impiegati. Nel maggio dello stesso anno, uno studio di Bloomberg ha dimostrato che il 39% degli impiegati in generale e il 49% dei lavoratori Millennial e Gen Z erano pronti a licenziarsi se i datori di lavoro non offrivano opzioni di lavoro da remoto a lungo termine. È chiaro che il lavoro a distanza è destinato a restare.

Tutti i membri del team che lavorano insieme

Perché il lavoro a distanza è sempre più diffuso?

Le ragioni sono molteplici, ma il motivo principale è semplice: le chiusure degli uffici senza precedenti causate dal Covid-19 hanno permesso a tutti, compresi i datori di lavoro, di provare in prima persona il lavoro da remoto. E, sorprendendo molti, è stato in gran parte un successo. Il sondaggio di PwC del dicembre 2021 ha mostrato che l’83% dei datori di lavoro riteneva che il lavoro a distanza fosse un successo.

Per i dipendenti, lavorare da remoto significa vivere una vita più autentica. Puoi piegare il bucato durante una videoconferenza, andare a prendere i tuoi figli a scuola quando si ammalano o fare due passi dopo pranzo. Non è più necessario sprecare tempo e denaro a fare i pendolari, né rischiare di prendere il Covid (o altri virus che si diffondono rapidamente sul posto di lavoro).

Come i datori di lavoro possono tenere il passo

Il passaggio al lavoro a distanza non è stato privo di difficoltà. Ricordi le prime riunioni video, quando i problemi tecnici causavano interruzioni, i figli apparivano nelle videochiamate nei momenti più critici e alcuni si sono resi conto che indossare i pantaloni del pigiama durante il lavoro non è il massimo se poi devi alzarti davanti alla telecamera? Ma tutti abbiamo imparato e ci siamo adattati. Ecco cosa possono fare i datori di lavoro per supportare meglio il lavoro da remoto:

  • Chiedere un feedback. Il lavoro a distanza e ibrido non è uguale per tutti. Scopri cosa vuole ogni persona e cerca un modo per soddisfare le diverse esigenze.
    Riconsiderare il concetto di successo. La flessibilità ha un suo fascino, quindi concentrati sui risultati piuttosto che sulle ore di lavoro.
  • Mettere dei paletti. Non puoi controllare chi lavora da remoto, ma puoi stabilire requisiti chiari, come scadenze e redazione di report periodici sui progressi compiuti.
  • Offrire supporto. Dai ai dipendenti gli strumenti necessari per avere successo e rispondi alle loro domande il prima possibile. Espandi i canali di comunicazione e tienili aperti.
  • Concentrarsi sulla collaborazione. I team da remoto e ibridi hanno bisogno di diversi strumenti di collaborazione, tra cui software per videoconferenze e strumenti di condivisione dei documenti.

Riunisci tutto su Slack

Una delle sfide più grandi è assicurare che i team che adottano un modello di lavoro a distanza o ibrido si muovano nella stessa direzione. È qui che Slack primeggia. Ti permette di creare canali separati per ogni progetto per semplificare la collaborazione, fissare documenti critici per un accesso rapido e persino organizzare un “virtual water cooler” (ossia un incontro virtuale aperto a tutti) per coinvolgere le persone. Puoi anche integrare gli strumenti che già utilizzi, dalle videoconferenze alle e-mail, riunendo tutto in un’unica piattaforma. Scopri come Slack può portare avanti i tuoi team, indipendentemente dalla posizione geografica dei membri.

Questo post è stato utile?

0/600

Fantastico!

Grazie mille per il feedback!

Capito!

Grazie per il feedback!

Ops! Si è verificato un problema. Riprova più tardi.

Continua a leggere

Collaborazione

La videochat può centralizzare la comunicazione aziendale?

La videochat può migliorare l'efficienza comunicativa nelle organizzazioni, a livello interno ed esterno. Come si può implementata negli affari?

Collaborazione

I team di marketing di Salesforce usano l’automazione per semplificare i processi e aumentare la produttività

I workflow aiutano gli addetti al marketing a creare e lanciare campagne più rapidamente

Developers

Processi aziendali, come e perché ottimizzarli?

Produttività

Come aumentare la produttività del lavoro?