Trasformazione

Incontra i portabandiera: approfondimenti e ispirazione dai leader della Community di Slack

Come creare connessioni e community partendo da zero

Il team di Slack8 giugno 2021

Come responsabile tecnico delle assunzioni in Miro, una piattaforma di lavagna collaborativa online, il lavoro di Alla Pavlova è tutto basato sulle relazioni: trovare persone con grande talento e collegarle alla posizione giusta.

Per lei, l’opportunità di creare un nuovo capitolo della Community di Slack ad Amsterdam era animata dallo stesso spirito, ovvero un modo per creare relazioni tra i suoi colleghi tecnici. “Mi è sembrato un passaggio molto naturale”, afferma.

Pavlova ha portato il capitolo da zero a più di 100 persone, facendo affidamento sul supporto e la guida dei suoi colleghi membri della community e perfezionando le sue capacità di leadership nel processo. Tra le varie cose che ha imparato, ci sono il modo di personalizzare il raggio d’azione per attrarre il giusto tipo di destinatari e l’importanza di interazioni regolari per far crescere una community alle prime armi. “Non appena pianifico un evento, ne promuovo già un altro”, spiega. “In questo modo le persone sono costantemente coinvolte. Ho già il piano per il prossimo evento. In realtà, ho un piano per tutto l’anno.”

Pavlova fa parte di un gruppo di leader molto unito che gestisce gli 89 capitoli della community di Slack in tutto il mondo. Il gruppo supporta tutti gli utenti di Slack, dai principianti agli esperti, sviluppatori e amministratori.

I capitoli della community sono nati per connettere i nostri utenti in modo organico, riconoscere il lavoro innovativo sulla piattaforma svolto dai clienti e condividere le conoscenze tra la base di utenti entusiasti di Slack. Come parte del processo di crescita ed evoluzione, ogni capitolo della community ha accesso a organizzatori di community professionisti e a una serie di principi guida volti a garantire un’esperienza significativa. Questi principi sono: 

  • Supportarsi a vicenda per crescere
  • Suscitare curiosità negli altri
  • Scambiarsi aiuto e informazioni
  • Rimanere connessi con la community

Partecipare a un capitolo è semplice, gratuito e flessibile. Cerca la tua città, paese o regione per vedere gli eventi passati e futuri e conoscere i leader dei capitoli. Non vedi un capitolo nelle vicinanze? Perché non candidarti per gestirne uno nuovo

“Sarai sorpreso da quanto questa community possa essere d’aiuto e coinvolgente. Puoi anche trovare amici e lavorare insieme sui progetti.”

Alla PavlovaResponsabile delle assunzioni, Miro

Matheus Bitencourt, responsabile tecnico di IBM, è da tempo un sostenitore delle idee creative che nascono durante gli hackaton e gli incontri tecnici. Queste esperienze lo hanno portato ad avviare il capitolo di Rio de Janeiro della community. 

Per Bitencourt, le gratificazioni sono arrivate dalla possibilità di aiutare i membri a migliorare le proprie carriere. Nella fattispecie, recentemente ha tenuto un seminario sulla creazione di bot in Slack, con la partecipazione di numerosi studenti. Alla fine, le app che hanno progettato e creato, oltre alla connessione con Bitencourt, hanno permesso agli studenti di trovare stage e lavori in aziende come IBM, cambiando il corso delle loro vite. 

“Adoro condividere le conoscenze perché ritengo che questo sia il senso della tecnologia: offrire un’opportunità a tutti.”

Matheus BitencourtResponsabile tecnico, IBM

Anthony Del Campo, co-leader del capitolo di Charlotte, Carolina del Nord, lavora nel settore della tecnologia educativa in Discovery Education, supervisionando e gestendo l’area di lavoro Slack della sua azienda. 

Il suo percorso di leader di capitolo ha avuto inizio come partecipante. “L’ho trovato su Meetup. Brandon, il mio collega e leader di capitolo associato, ha postato qualcosa. Mi interessa essere coinvolto nella community per quanto riguarda i diversi aspetti della tecnologia e partecipare ad altri incontri tecnici. Così ho trovato Slack ed ho pensato di provarci e partecipare.”

Da quel momento, il capitolo di Charlotte è cresciuto in modo esponenziale. I vantaggi per Del Campo sono sia professionali che personali. Dal punto di vista professionale, le opportunità di condividere conoscenze con altri amministratori sono state di enorme supporto. A livello personale, i benefici sono stati altrettanto duraturi. 

“Ogni volta che riunisci le persone per condividere momenti speciali, ti senti soddisfatto”, dichiara Del Campo, incoraggiando gli indecisi a partecipare a un capitolo per capire di che si tratta. L’obiettivo di un evento recente di grande successo era spiegare ai partecipanti come ottenere la certificazione di Slack, ma i principianti sono sempre benvenuti.

“È una community eccezionale di cui fare parte. Non avere paura di fare domande. Nessuno ti giudica”, afferma. “È stato un piacere incontrare altre persone nella nostra community e apprezzo molto il modo in cui tutti condividono le proprie procedure personali e creano una rete, migliorando le nostre vite professionali.”

Alexandra Sunderland, co-leader del capitolo di Ottawa in Canada ed engineering manager di Fellow, un’azienda che ha avuto inizio come app di Slack, evidenzia che le lezioni apprese dall’area di lavoro della community la aiutano a svolgere meglio il suo lavoro. Ad esempio, per supportare l’onboarding dei neoassunti, ha configurato un annuncio di benvenuto automatico che guida i neoassunti ad orientarsi tra le risorse aziendali e i canali più importanti dell’ambiente di lavoro. 

Per il capitolo, Sunderland pianifica eventi, prenota relatori e sviluppa programmi, il che le ha permesso di dare il suo contributo personale in molti modi, inclusa la creazione di un ambiente accogliente per tutti. 

“Uno degli aspetti che preferisco della gestione di questa community è che posso organizzare gli eventi tecnologici a cui voglio partecipare”, afferma, ricordando un evento precedente alla pandemia in Shopify, tenuto in una caffetteria con un freddo polare. 

“Il posto era pieno di gente. Si sono presentate 60 persone, che si sono spostate di sera nel mezzo dell’inverno di Ottawa. Tutti parlavano tra loro e si presentavano alle persone che non conoscevano. Non c’erano persone chiuse nel loro gruppo, sedute in silenzio. È stato un evento estremamente sociale”, ha sottolineato Sunderland. “C’erano moltissime persone che non erano sviluppatori, che era quello a cui miravamo. Tutti erano liberi di partecipare e tutti si sentivano parte dell’evento. Vedere la community riunirsi in quel modo è stato davvero fantastico.”

Questo post è stato utile?

0/600

Fantastico!

Grazie mille per il feedback!

Capito!

Grazie per il feedback!

Ops! Si è verificato un problema. Riprova più tardi.

Continua a leggere